Trattamento Economico dei Neo Vice Ispettori Corpo Polizia Penitenziaria

                                                                              Alla Direzione Generale della Formazione

Dott. Riccardo Turrini Vita

Roma

 

OGGETTO: questione legata al riconoscimento, del pagamento della missione durante tutto il corso da vice Ispettore, compreso il periodo legato all’affiancamento dopo l’esame finale.

 

 

Eccellentissimo Direttore,

Oltre che ringraziarLa per l’impegno dimostrato nel seguire il concorso dei Neo Vice Ispettori, con la presente Le rivolgo un quesito legato alla complessa interpretazione da parte di alcune Direzioni dislocate sul territorio nazionale circa il pagamento del periodo che i corsisti del concorso dei Neo Vice Ispettori hanno avvenuto presso le scuole di formazione e durante il tirocinio.

In tal senso voglio fare un excursus delle varie circolari e norme che fino ad oggi hanno dato indirizzo di applicazione per coloro che essendo già appartenenti al Copro della Polizia Penitenziaria, hanno partecipato a corsi per avanzamento nel ruolo.

Con nota GDAP 0237940 del 20/07/2018 della Direzione Generale del Personale e delle Risorse Ufficio II, a firma della Dottoressa Federica Dallari,  con oggetto: Corso Vice Ispettori del Corpo di Polizia Penitenziaria, invio presso le scuole di formazione ed istituti di istruzione-autorizzazione servizio di missione, la quale a scanso di equivoci interpretativi recita testuali parole; si autorizza il personale del Corpo di Polizia Penitenziaria indicato nella predetta nota, a recarsi presso la struttura formativa a fianco di ciascuna indicata, per frequentare il corso di formazione in oggetto, con decorrenza 10 settembre 2018 e fino al termine dello stesso.

La stessa nota continua: Al personale in argomento, in osservanza della lettera circolare n. 3440/5890 del 21/10/1996 e successive modifiche ed integrazioni, anche in conformità di quanto disposto dall’art 6 del DPR 170/07, dall’art 13 del DPR 51/09 e dalle lettere circolari n. 0482783, n 439367 e n. 0154835, rispettivamente 22 dicembre 2011, 10 dicembre 2012 e 9 maggio 2018, va corrisposto ove competa, il trattamento economico di missione con vitto ed eventuale alloggio, a carico dell’amministrazione presso le strutture formative ove gli stessi frequenteranno il predetto corso di formazione.

 E’ obbligo prendere in esame la circolare n. 0159371del 14/06/2018 la quale tratta proprio il trattamento economico di missione sul territorio dove all’interno dei vari punti più volte si evidenzia che sono indicazioni inerenti il personale in servizio operativo, si vuole evidenziare il punto 9.1 ultimo paragrafo che tratta proprio i  concorsi interni specificando che in occasione di ogni concorso saranno diramate con apposite ministeriali, le regole alle quali ciascuna articolazione centrale e territoriale dovrà attenersi per garantire le migliori condizioni possibili di partecipazione del personale dipendente nell’ottica del contenimento della spesa pubblica.  Da questo, ad ulteriore indirizzo, si evince come le due posizioni, essere in servizio effettivo e partecipare ad un corso, sia materia da trattare in modo differente.

 A sostegno della mia tesi, sopraggiunge la nota della Direzione Generale del Personale e della Formazione-GDAP-0387256-2011, con oggetto: Richiesta di pagamento delle indennità e delle spese di missione per i periodi di missione per i periodi di tirocinio “on the job” dei Vice Commissari in prova del ruolo direttivo ordinario.

 In quest’occasione si lamentava la disparità di trattamento per i partecipanti al corso con lo status di esterni e quelli già appartenenti al Corpo, nel punto 8, Sua Eccellenza Direttore Generale Riccardo Turrini Vita, specifica proprio la questione legata a partecipanti già appartenenti al Corpo della Polizia Penitenziaria. Il paragrafo in oggetto recita testuali parole: Nel caso di concorso interno per progressione di carriera, (come il caso in questione), dove i partecipanti sono solo coloro che già appartengono all’amministrazione non si ravvisa la necessità di garantire uniformità di trattamento e, durante il corso di formazione, agli stessi viene corrisposto il trattamento di missione.

 In ultimo sempre grazie alla Pregevolezza della nota della Formazione GDAP-05/03/2019-0073418.U, con oggetto: VI corso vice ispettori, con la quale si invitano le scuole a inviare “temporaneamente” presso le rispettive sedi di provenienza, in quanto, (non per scelta o necessità del corsista), non vi è possibilità di permanenza nelle scuole di formazione per indisponibilità di posti, gli stessi “corsisti” continuano a mantenere lo status di Allievi Vice Ispettori.

Voglia Sua Eccellenza intervenire per dare giuste direttive e chiarire che allo stato attuale e fino alla notifica del decreto di nomina i vincitori sono da ritenersi in carico presso le scuole di formazioni e in status giuridico di personale in missione per frequenza di concorso.

Sicuro di un Suo autorevole intervento l’occasione è gradita per porgere personali saluti.

                                                             

 

                                                                              Presidente UDS

                                                                               D. G. Filippone

Scrivi un tuo commento