Assegnazione V. Ispettori Disparità di trattamento tra Personale del DAP e personale del DGMC.

Al Ministro della Giustizia

On.le Avv.to Alfonso Bonafede

Roma

 

 

 

Assegnazione V. Ispettori Disparità di trattamento tra Personale del DAP e personale del DGMC.

L’associazione UDS ha l’obbligo morale di intervenire circa la disparita che se venuta a creare all’interno di un concorso che ha lo stesso bando e le stesse norme di attuazioni.

Alla luce delle risultanze dell’incontro tra Amministrazione Penitenziaria e Sindacati, circa le sedi di assegnazione dei neo dei Vice Ispettori di P.P., con particolare riferimento al personale del contingente Minorile, esprimiamo una profonda delusione ad un proposta senza precedenti nella storia nella Giustizia Minorile in Italia.

E’ inammissibile che i vertici dei rispettivi Dipartimenti DAP e DGMC non hanno tenuto conto dell’esperienza maturata da detto personale, peraltro certificata con apposito decreto Ministeriale ed hanno, al contrario, deciso di trasferirlo negli Istituti Penitenziari per adulti; un contesto diverso e particolare ove l’esperienza maturata sul campo gioca un ruolo fondamentale.

Un paradosso, una vergogna infinita che nessuno avrebbe mai immaginato.

Dopo una montagna di soldi per la formazione, settimane di corsi, servizi di missione decide di AZZERARE le esperienze ultra ventennali del personale.

Eppure, se la nostra Giustizia Minorile è stata per molti Paesi europei un modello da imitare, lo si deve anche alla grande professionalità e dedizione di detto personale che ha operato in questo settore da oltre venti anni e che oggi, “per logiche di mercato” o per incapacità di qualcuno lo si vuole disperdere.

Preso atto che allo stato attuale non c’è la volontà di assegnare i vincitori nel settore minorile, sarebbe auspicabile che agli stessi sia data la possibilità di scegliere la propria sede, che in molti casi non coincide con il luogo di residenza della familia, anche perché se chi è destinato agli adulti può essere assegnato  in soprannumero, stesso provvedimento si può riservare agli Allievi Ispettori con sede al Minorile prendendo in esame una rivisitazione degli accordi presi.

Allo stato attuale il club UDS rappresenta il 99% di coloro che rimarrebbero fuori per cui ha ricevuto il mandato per tutelarli e rappresentarli tutti.

Cordialità.

 

                                                                                       Club UDS

Scrivi un tuo commento