Furti: arrestata “banda del selfe” nel centro della Capitale

Comando Provinciale di Roma, 29/11/2018 14:12

Individuavano la loro vittima, l’avvicinavano e, con la scusa di scattarsi un selfie, l’abbracciavano per mettersi in posa e durante lo scatto uno dei tre gli sfilava lo smartphone dalla tasca del giaccone. Questo è quanto hanno scoperto, la scorsa notte, i Carabinieri della Stazione Roma Piazza Farnese.

A finire in manette, con l’accusa di furto aggravato in concorso, sono stati due cittadini tunisini, di 40 e 33 anni, entrambi con precedenti senza fissa dimora, e una 41 romana. 

I tre, in Piazza Capo di Ferro, si sono avvicinati ad uno studente statunitense e, dopo averlo circondato, lo hanno abbracciato con il pretesto di scattarsi un selfie con lui, usando il telefono della donna.

Durante lo scatto, però, il 33enne si è posizionato alla destra della vittima ed ha allungato la sua mano fino a rubare lo smartphone, custodito all’interno della giacca.

Sfortunatamente per loro la scena è stata notata dai Carabinieri che li hanno subito bloccati e recuperato la refurtiva.

Dopo l’arresto i tre sono stati accompagnati in caserma, in attesa del rito direttissimo.

www.carabinieri.it

Scrivi un tuo commento