Gli anarchici contro lo Stato a Torino

A Torino, davanti al carcere Lorusso-Cotugno, la notte di Capodanno, una sessantina di soggetti, appartenete ai cosi detti anarchici, hanno attaccato le Forze dell’Ordine intervenuti sul posto. Una collega è stata ferita alla testa dal lancio di una bottiglia se reso necessario portarla presso il pronto soccorso per le cure del caso.

L’italia sta attraversando un momento non facile, voluto da una politica lontana da chi con il proprio lavoro rappresenta lo Stato. Il troppo garantismo non può essere la soluzione di chi commette reati, non collegabili ai reati di sopravvivenza, sempre condannabili ma a volte comprensibili. Mentre chi aggredisce con volontà e consapevolezza di poter ferire Noi che portiamo una Divisa non può trovare giustificazioni o ideologie che possano essere avvallati da mente contorte che potrebbero dare una giustificazione a tutto ciò.

Bisogna condannare questi episodi e assicurare alla giustizia coloro che si rendono responsabili di queste aggressioni, con pene certe ed esemplari, chi attenta alle Donne e gli Uomini che rappresentano la Democrazia per un vivere civile e nel rispetto delle regole, non devono essere messi nella possibilità di usufruire di riti abbreviati o accedere a benefici di misure alternative alla detenzione, scontando fino all’ultimo giorno di pena.

                                                                                                               Presidente UDS

                                                                                                                 D. G. Filippone

 

Scrivi un tuo commento