Concorso interno Ispettore Polizia Penitenziaria

Al Ministro della Giustizia

On. Le Andrea Orlando

 

 

                Pregiatissimo Ministro Orlando,

Il Club UDS-Uomini e Donne della Sicurezza-, Associazione maggiormente rappresentativa per le Forze Armate e dell’Ordine, con la presente Le avanza richiesta di delucidazioni in merito alle intenzioni dell’Amministrazione Penitenziaria circa il decreto P.D.G. 3 aprile 2008 – Concorso interno per titoli di servizio ed esame alla qualifica di Vice Ispettore.

                Il concorso in questione viene emanato nel lontano 2008, tutto il personale del Corpo fin da subito presentava istanza per partecipare, con l’assoluta convinzione che in tempi brevi, visto la carenza nel ruolo degli Ispettori, si sarebbe arrivati ad essere, per i vincitori, nominati nel grado di Vice Ispettore, in considerazioni delle personali necessità sia famigliari che di servizio, che hai tempi esistevano per ogni concorrente.

                Ad oggi, anno 2017, il concorso in questione non si è ancora concluso, siamo alle battute finali della prova orale, che a novembre dovrebbe valutare l’ultimo concorrente.

                Negli anni l’Amministrazione è stata costretta ad affrontare questioni ben più urgenti che ci ha visto attraversare momenti di continua emergenza per il sovraffollamento e i continui richiami che arrivavano da Bruxelles e per una crisi che ha segnato profondamente anche il bilancio dell’Amministrazione, precludendo di conseguenza il proseguo delle varie stadi di un normale concorso interno.

                In tanti oggi si sono rivolti al Club UDS, con preghiera di intervenire circa il profilarsi della possibilità che la partenza del corso di formazione vede ancora tempi lunghissimi, visto che tutte le scuole del Corpo sono occupati da concorsi per Agenti.

                Le aspettative di chi dopo anni, dal bando, se impegnato per arrivare al tanto atteso e ambito grado da Ispettore, inducono ogni vincitore di concorso a credere che l’Amministrazione centrale non abbia disatteso le aspettazioni dei vincitori e che a differenza delle tante disinformazioni che filtrano, le quali asseriscono con insistenza che il corso di formazione dovrebbe avere inizio poco prima dell’estate del 2018, c’è già il proposito per bloccare la lungaggine del concorso stesso.

                Pregiatissimo Guardasigilli, l’augurio del Club UDS è che Lei stesso si interessi, per dare seguito al concorso, che obiettivamente, nel rispetto di ogni partecipante, si rischierebbe di trascinarlo oltre ogni prevedibile aspettativa.

                Rimanendo in attesa di un suo cortese riscontro, l’occasione e gradita per inviare cordiali saluti.

                                        

                                                                                              Fir.to Presidente UDS                                                                                                                                                                                                                             D. G. Filippone

2 commenti

  1. Giuseppe

    Un concorso bandito nel lontano 2008, che se svolto nei tempi ragionevoli avrebbe consentito ai vincitori, nel c.a. (2017) di indossare già il grado di “Ispettore Capo”. È inevitabile che il danno economico non potrà mai essere ripagato, ma sarebbe possibile un minimo riconoscmento concedendo, ai vincitori, la decorrenza giuridica alla data di emissione del bando.

Scrivi un tuo commento