Ius Soli Popolo Popolazione.

 

Il Popolo dello Stato Italiano non deve essere confuso con il concetto di Popolazione.

Infatti, il Popolo in realtà, è costituito solamente dai cittadini con titolarità di avere acquisito la cittadinanza fin dalla nascita. Mentre la Popolazione e compresa tra tutti coloro che si trovano all’interno del territorio di uno Stato.

Prima di entrare nel vivo dell’attuale discussione politica, ritengo opportuno chiarire alcuni concetti che si differenziano dal Ius Soli.

Ius Sanguini, cioè per nascita, in questo caso si ritiene cittadino chi per nascita, da Padre e Madre cittadini dello Stato, rientra di diritto ad essere considerato membro dello Stato Italiano.

Ius Connubii, questo diritto trova addirittura connotazione nel lontano 212 D. C. con la costitututio Antoniana, che grazie a questa, oggi la definiremmo norma, disposizione, tutti i cittadini dell’Impero Romano Repubblicano ottennero la facoltà di contrarre matrimonio a seguito del quale la prole godesse di tutti i diritti civili, fino a quel momento, della storia, riservato solo ai Patrizi. Usato prevalentemente per commerciare con i Romani con la garanzia di poter ricorrere al magistrato per la tutela dei propri atti negoziali (Ius commercii), e, ma solo inizialmente, anche di trasferirsi a Roma (Ius migrandi) a condizioni di parità coi cittadini romani, e quindi di votare (Ius suffragii) nei comizi elettorali.

Ai giorni nostri lo Ius Connubii fa riferimento all’ipotesi in cui un cittadino straniero o apolide contrae matrimonio con un cittadino Italiano, questo però non preclude l’acquisto della cittadinanza, come diritto, infatti, la disposizione di legge, prevede che dall’atto del matrimonio devono passare due anni, con residenza in Italia, prima di poter avanzare richiesta di cittadinanza, se addirittura ci sono figli, nati in Italia, l’istituto giuridico prevede la meta del tempo per acquisire la cittadinanza italiana. Il termine per la conclusione del procedimento è di 730 giorni e decorre dalla presentazione della domanda e di tutti i documenti necessari. Come precisato dalla circolare del Ministero dell’Interno n° 6415/2011, una volta decorso il biennio, il richiedente diventa titolare di un diritto soggettivo pieno all’acquisto della cittadinanza italiana, essendo impossibile rigettare l’istanza oltre i 730 giorni ai sensi dell’art. 8, comma 2 della legge n° 91/92 sulla cittadinanza. Il richiedente, quindi, può far valere questo diritto davanti al giudice ordinario per richiedere la cittadinanza italiana, previa verifica dei requisiti di legge, se il Ministero non ha adottato il decreto di riconoscimento o di rifiuto della cittadinanza entro i termini stabiliti.

Ius Soli (in latino «diritto del suolo») è un’espressione giuridica che indica l’acquisizione della cittadinanza di un dato Paese come conseguenza del fatto giuridico di essere nati sul suo territorio indipendentemente dalla cittadinanza dei genitori.

In applicazione delle norme che mirano a scongiurare l’apolidia, in Italia lo Ius Soli trova applicazione in circostanze eccezionali. Esso si applica, come norma residuale, in tre casi:

 

  1. Per nascita sul territorio italiano da genitori ignoti;
  2. Per nascita sul territorio italiano da genitori apolidi;
  3. Per nascita sul territorio italiano da genitori stranieri impossibilitati a trasmettere al soggetto la propria cittadinanza secondo la legge dello Stato di provenienza.

Un’interpretazione indiretta dello Ius Soli è quella che permette al cittadino straniero nato in Italia e che vi abbia mantenuto costantemente la residenza dalla nascita la facoltà, al raggiungimento della maggiore età, di chiedere e ottenere, anche senza le condizioni normalmente richieste (reddito sufficiente, incensuratezza, circostanze di merito, ecc.), la cittadinanza italiana; tale facoltà però può essere utilizzata solo entro un anno dal raggiungimento della maggiore età, termine dopo il quale la cittadinanza è ottenibile solo tramite le norme ordinarie.

Oltre questo, la norma vigente, prevede che dopo dieci anni si può diventare, per naturalizzazione, cittadino Italiano, per lo più se prestato servizio alle dipendenze dello Stato Italiano, per almeno cinque anni, il Presidente della Repubblica concede la cittadinanza, allo straniero, sentito il Consiglio di Stato e su proposta del Ministro degli Interni.

Questo è quanto previsto dalle norme vigenti in Italia. Si evince che il Legislatore ha dato ampio spazio per il riconoscimento del diritto ad essere cittadino Italiano, attraverso, ovviamente, dei paletti, che sono a garanzia di una Stato Democratico.

Da qui si evince che l’attuale discussione del Governo, per l’approvazione di una legge che dia il diritto automatico ad acquisire la cittadinanza Italiana è infondata, o per meglio dire, l’accelerazione di dare la cittadinanza a chi rientra nei soggetti individualizzati dalla proposta legge, ha solo carattere di pubblicità elettorale, e non reale necessità di affrontare un problema che preclude l’impossibilità di diventare cittadino Italiano.

Non bisogna essere di Destra o xenofobo come il comunismo moderno vorrebbe fare comprendere, forse non sono riusciti a spiegare bene le loro intenzioni, che non appartengono sicuramente alle ideologie di Centro Destra, ciò non vuol dire chiudersi a riccio escludendo a priori qualsiasi soluzione, anche perché sono già sono vigenti ed operativi.

Il Governo avrebbe fatto bene ad occupare il proprio tempo nel trovare soluzioni alle tantissime realtà di famiglie che sono senza reddito o quello che annoi non basta per le necessita di prima necessità. Dalla scesa in Politica di Renzi e del Governo non eletto, abbiamo assistito a norme emanate e subito bocciate dalla Corte Costituzionale, in quanto ritenute anticostituzionali, oppure abbiamo assistito al ritiro di leggi approvate in quanto già a priori, dopo attenta analisi, si configurava l’anticostituzionalità.

Forse basterebbe solo migliorare le norme già esistenti e facilitarne l’applicazione.

                                                                  Il Delegato MNS D.G. Filippone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scrivi un tuo commento