Balena Blu, un nuovo “gioco” che istiga i ragazzi al suicidio.

Questo non vuole essere un intervento istituzionale ma bensì una presa di coscienza per tutti i genitori e gli adolescenti.

Un gioco che sarebbe partito dalla Russia per poi diffondersi in America Latina e ora anche in Europa: dalla Spagna al Portogallo, ma anche alla Francia e in Gran Bretagna e ora si teme per l’Italia.

Blue whale questo il nome del gioco, si partecipa attraverso internet, il gioco prevede di superare delle prove divisi in 50 giorni per arrivare al suicidio dei ragazzi/e che vi partecipano.

Il gioco prevede tutta una serie di prove che vengono assegnate da un “tutor” o “curatore”, si comincia da piccoli tagli, fino all’automutilazione, la visione di film horror, corse notturne e, infine, “saltare da un edificio alto e perdere la propria vita”. Il tutto facendo filmare il suicidio da qualcuno, anche se sembrerebbe che negli ultimi suicidi la richiesta della ripresa del video non fosse presente.

 Un unico “curatore” di 22 anni, Philipp Budeikin, è stato arrestato. Ha dichiarato di non essere pentito, che i ragazzi sarebbero felici di morire e che il suo compito è quello di pulire la società da quelli che lui ha definito “scarti biologici”.

Il mio consiglio e quello di controllare i figli, tenendo conto delle regole del gioco;

1- Incidetevi sulla mano con il rasoio “f57” e inviate una foto al curatore

2 – Alzatevi alle 4.20 del mattino e guardate video psichedelici e dell’orrore che il curatore vi invia direttamente

3 – Tagliatevi il braccio con un rasoio lungo le vene, ma non tagli troppo profondi. Solo tre tagli, poi inviate la foto al curatore

4 – Disegnate una balena su un pezzo di carta e inviate una foto al curatore

5 – Se siete pronti a “diventare una balena” incidetevi “yes” su una gamba. Se non lo siete tagliatevi molte volte. Dovete punirvi

6 – Sfida misteriosa

7 – Incidetevi sulla mano con il rasoio “f57” e inviate una foto al curatore

8 – Scrivete “#i_am_whale” nel vostro status di VKontakte (VKontakte è il Facebook russo, ndr)

9 – Dovete superare la vostra paura

10 – Dovete svegliarvi alle 4.20 del mattino e andare sul tetto di un palazzo altissimo

11 – Incidetevi con il rasoio una balena sulla mano e inviate la foto al curatore

12 – Guardate video psichedelici e dell’orrore tutto il giorno

13 – Ascoltate la musica che vi inviano i curatori

14 – Tagliatevi il labbro

15 – Passate un ago sulla vostra mano più volte

16 – Procuratevi del dolore, fatevi del male

17 – Andate sul tetto del palazzo più alto e state sul cornicione per un po’ di tempo

18 – Andate su un ponte e state sul bordo

19 – Salite su una gru o almeno cercate di farlo

20 – Il curatore controlla se siete affidabili

21 – Abbiate una conversazione “con una balena” (con un altro giocatore come voi o con un curatore) su Skype

22 – Andate su un tetto e sedetevi sul bordo con le gambe a penzoloni

23 – Un’altra sfida misteriosa

24 – Compito segreto

25 – Abbiate un incontro con una “balena”

26 – Il curatore vi dirà la data della vostra morte e voi dovrete accettarla

27 – Alzatevi alle 4.20 del mattino e andate a visitare i binari di una stazione ferroviaria

28 – non parlate con nessuno per tutto il giorno

29 – Fate un vocale dove dite che siete una balena

Dalla 30 alla 49 – Ogni giorno svegliatevi alle 4. 20 del mattino, guardate i video horror, ascoltate la musica che il curatore vi mandi, fatevi un taglio sul corpo al giorno, parlate a “una balena”

50 – Saltate da un edificio alto. Prendetevi la vostra vita.

Queste dovrebbero essere le regole, ma non è detto che siano sempre le stesse, le metodologie potrebbero variare, queste pubblicate vogliono essere solo un esempio su come agiscono.

Purtroppo una mente giovane può essere manipolata e plagiata, in tanti pensano che sarebbe meglio tenere tutto segreto, cosi i nostri figli sono al sicuro, questo è sbagliato, penso che sia fondamentale parlare con loro di quanto stia accadendo, facendoli ragionare sulle conseguenze, ma soprattutto fargli comprendere che se sentono un loro compagno che parla di queste prove devono avvertire i proprio genitori, così facendo salvano la vita al proprio amico.

E’ importante comprendere che l’obiettivo finale di questo orrendo gioco e la morte, si arriva ai bambini attraverso social network e lì che questi “tutor o curatori” scelgono le vittime. Gli adolescenti che partecipano al gioco vengono convinti che solo con la loro morte possono raggiungere il massimo livello.

Questo gioco riesce a penetrare nelle menti degli adolescenti portandoli fino alla morte, il compito di noi genitori e quello di vigilare e controllare degli eventuali segnali che ci riconducono a una delle regole sopra menzionate.

 Viene chiesto durante molte regole di procurarsi dolore, la regola 17 recita di andare sul tetto del palazzo più alto e state sul cornicione per un po’ di tempo, la 18 chiede di andare su un ponte e stare sul bordo. Ci sono prove da superare davvero atroci, come salire su una gru, fino ad arrivare agli ultimi giorni dove viene richiesto di svegliarsi alle 4 e 20 guardare film horror, ascoltare la musica che viene inviata, ed incidersi il corpo. L’ultima regola, la numero 50 chiede di saltare da un edificio alto.

La sfida di noi genitori e quella di far comprendere ai nostri figli il reale pericolo di questo gioco, il mio consiglio, là dove dovreste venire a conoscenza di qualcuno che sta partecipando a questo macropo gioco e quello di avvisare immediatamente le forze dell’Ordine, questi si attiveranno subito per cercare di scovare il soggetto che sta dall’altra parte della tastiera, solo così possiamo sperare di trovare i responsabili di questi orrori.      

             

Un appello per i genitori controllate bene cosa fanno i propri figli sulla rete e se hanno segni di autolesionismo sul corpo. Un’allerta maggiore in questo momento può aiutare gli investigatori. Anche i ragazzi possono aiutare altri ragazzi. Possono segnalare direttamente alle forze dell’ordine o tramite il commissariato on line (www.commissariatops.it) casi di amici finiti nel gioco».

 

                                                                                       

                                                                                                  Presidente UDS

                                                                                                   D.G. Filippone

 

 

 

 

 

Scrivi un tuo commento