La politica e le esigenze dei cittadini – Ponte Petrusa

Al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Dott.re Graziano DELRIO

Al Presidente della Regione SICILIA

Rosario CROCETTA

 

 

 

La politica e le esigenze dei cittadini – Ponte Petrusa

E’ passato un mese dall’inaugurazione della strada statale 640. A pochi metri da dove il Ministro DELRIO il Presidente della Regione e altre autorità sono intervenuti per tagliare il nastro, c’è il ponte Petrusa ai tempi in fase di demolizione, che crea non pochi problemi agli abitanti della Provincia.

I disagi li avvertono in particolar modo tutti i cittadini di Favara, che per raggiungere Agrigento devono obbligatoriamente servirsi di strade secondarie che da anni non sono oggetto di manutenzione e che presentano pericolose deformazioni dell’asfalto e grosse buche, pericolose per tutti coloro che le percorrono. Il solo dover andare all’Ospedale di Agrigento in situazione di emergenza, obbliga gli operatori del pronto soccorso a fare questi percorsi, tra l’altro lunghi il doppio del percorso normale.

La sensazione è che la politica non abbia la capacità di intervenire. I disagi sono tanti anche per il personale del Corpo della Polizia Penitenziaria, che per motivi di lavoro è obbligato a effettuare dei percorsi poco sicuri, in particolar modo quando bisogna trasportare le Utenze presso il tribunale o presso l’Ospedale per controlli o ricoveri urgenti.

Attualmente il viadotto è smontato a metà: inizialmente era stato assicurato che in 15 giorni il viadotto Petrusa sarebbe stato smontato e poi sarebbero stati collocati i nuovi pezzi prefabbricati per comporre un nuovo e sicuro cavalcavia. Da allora sono passati due mesi e l’opera è bloccata. L’ANAS aveva comunicato che stava lavorando ad un progetto e che comunque doveva seguire l’iter che prevede l’aggiudicazione dei lavori ad una ditta, tempi lunghissimi per una realtà che richiede attenzione e urgenza nel portare a termine i lavori. 

Con l’avvicinarsi della stagione Estiva, sarebbe controproducente per l’immagine del nostro territorio, limitare dei collegamenti strategici per l’economia sia commerciale che alberghiera di realtà che puntano sul turismo. 

Per questo, il Movimento Nazionale per la Sovranità, chiede un sollecito intervento per il ripristino del viadotto Petrusa, la politica noi la vogliamo fare per dare un servizio ai cittadini lasciamo agli altri le demagogie e le sintesi al di sopra delle parti, dimenticandosi quasi sempre che il cittadino è il primo contribuente e per questo le istanze rappresentate da una comunità devono essere poste al primo posto.

Cordialità

 

                                                                                                     Delegato Nazionale MNS

                                                                                                            D.G. Filippone

 

 

Scrivi un tuo commento